20 Ottobre 2019

Parto podalico: tutto quello che devi sapere

Parto podalico: tutto quello che devi sapere

La posizione podalica (a testa in su) è una presentazione anomala del feto in cui la testa è rivolta verso il fondo dell’utero e i piedini e/o il didietro del nascituro sono rivolti verso il collo dell’utero. Durante lo stato interessante è fisiologico che un feto assuma la posizione a testa in su, ma verso la 34esima settimana normalmente si mette cefalico, per prepararsi al grande evento, quale è la sua nascita.

In alcuni casi però ciò non avviene come di consueto. Per quale ragione? Le ragioni sono note solo per circa il 15% dei casi. Ossia:

Alterazioni del bacino;

Una parete addominale o pavimento pelvico troppo tonici o, al contrario ipotonici;

Malformazioni dell’utero;

Un precedente taglio cesareo;

Un eccessivo aumento ponderale o BMI elevato;

La sedentarietà;

L’età troppo in avanti;

Gravidanza gemellare;

La quantità di liquido amniotico (o troppo scarsa o troppo eccessiva).

Come prevenire allora?

Per far sì che il feto si posizioni in maniera ottimale è molto importante il movimento, quindi, non è ammessa assolutamente la sedentarietà. Tra le attività più utili vi è lo yoga, l’attività in acqua e perché no anche gli esercizi posturali eseguiti su una fitball.

Per chi lavora, invece, è fondamentale assumere in ufficio posizioni reclinate in avanti, meglio se con le ginocchia più basse rispetto alle anche.

Quanto al dormire è importante assumere la posizione su di un fianco con un ginocchio più in alto rispetto all’altro. Infine, attenzione allo stress. Quest’ultimo nell’85% dei casi è la ragione numero uno della posizione podolica. Infatti, il benessere psicofisico della neo mamma incide notevolmente sul feto e sul suo posizionamento. Risulta, pertanto, fondamentale il dialogo con il nascituro ancora nel grembo, magari coinvolgendo anche il suo futuro papà.

L.F.

Condividi su

Commenti


Il tuo commento

Effettua il login o registrati

Commenta come ospite




Commenta per primo questo articolo!

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito