Ricerca+Guida utente
07 Marzo 2019

Come scegliere una baby sitter per neonati?

Come scegliere una baby sitter per neonati?

Affidare il proprio bambino nelle mani di qualcun altro che non siamo noi è un momento drammatico. La separazione può, infatti, far nascere ansie estreme e la continua paura che il piccolo senta la mancanza delle vostre coccole. Per vivere con serenità le prime separazioni dal vostro neonato, scegliete sempre una persona affidabile e con la massima attenzione. Inizialmente iniziate a lasciarlo qualche ora mentre siete in casa. È il modo migliore per capire se si è scelti la persona giusta per il vostro bambino.

Il secondo passo è quello di uscire di casa e lasciare la baby sitter anche solo un’ora con il bambino. In questo modo vi abituerete piano piano a stare lontani dal piccolino. Se però ancora allattate, aspettate che l’allattamento sia ben avviato prima di lasciarlo all’ora della poppata.

La baby sitter perfetta

Prima di tutto una brava baby sitter deve essere attenta, paziente e dolce con il piccolo. Ma non basta. Deve avere anche un po’ di esperienza. L’esperienza è fondamentale quando si ha a che fare con i neonati. È, infatti, prima di tutto una mamma capace di riconoscere il motivo di un pianto disperato del bambino o prevenire qualsiasi potenziale pericolo. Importante è anche l’età. Meglio una persona non troppo giovane o una ragazza alle prime armi. Per occuparsi di un neonato serve esperienza e intuito, oltra la sicurezza nel gestire piccole complicazioni.

Molto importante è la preparazione sulla sicurezza. Una brava baby sitter deve aver seguito un corso di pronto soccorso pediatrico in modo da conoscere le manovre di disostruzione per neonati. Inoltre, deve essere una buona osservatrice. I piccoli vanno capiti da uno sguardo o da un gesto o pianto.

Non va sottovalutata la comunicazione. La baby sitter deve comunicare tutto quello che fa il neonato, se ha dormito, se ha mangiato e quanto ha mangiato. Tutte queste informazioni sono essenziali per comprendere meglio il comportamento del bambino. Oltre che la baby sitter ha spesso un ruolo importante nello svezzamento del piccolo con l’introduzione di nuovi alimenti nella sua alimentazione.

Inoltre, ricordatevi che ogni volta che la baby sitter porta il neonato dal pediatra fatevi annotare su un quaderno tutte le istruzioni per le medicine e le cose più importanti.

Una brava baby sitter deve saper giocare con il neonato a farlo ridere. Deve essere organizzata con il lavoro e con gli orari. La pappa deve essere pronta quando il neonato ha fame, il lettino pronto se ha sonno.

Attenzione però, una brava baby sitter non deve essere una fumatrice in quanto i neonati sono particolarmente sensibili agli odori.

Cosa chiedere quindi al primo colloquio conoscitivo?

Bisogna partire con delle domande ben precise.

  • Ha esperienza con i bambini?
  • Come si organizza la giornata con il neonato?
  • È paziente con i bambini?
  • È attenta?
  • Ama i bambini?
  • Come calma il neonato se continua a piangere?
  • E se non smette di piangere come si comporta?
  • In questa stanza quali potrebbero essere i potenziali pericoli per il neonato?

Oltre le domande, è fondamentale vedere la potenziale baby sitter in azione; ovvero come prende il neonato in braccio, il tono che usa con lui e la sicurezza nel fare le cose. Attenzione però all’igiene. Non deve avere unghie lunghe, usare profumi forti e avere troppi anelli.

Quanto pagarla?

Sicuramente per stabilire una paga giusta bisogna considerare la sua esperienza, formazione e il tipo di contratto. Se si tratta di una baby sitter a chiamata la si può pagare mediante il “Libretto Famiglia”. Diversamente, la baby sitter che sta con il bambino ogni giorno si tratta di un’assistente familiare e per quanto tale va inquadrata con un il livello CS del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Domestico.

Lucia Franco

Condividi su

Commenti


Il tuo commento

Effettua il login o registrati

Commenta come ospite




Commenta per primo questo articolo!

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito