Oggi spedizione gratis
Vale sull'acquisto di qualsiasi articolo
slitta
21 Novembre 2019

La pelle del bebè come deve essere?

La pelle del bebè come deve essere?

La pelle del neonato deve essere rosea e setosa. In realtà, non è sempre così, in quanto la cute dei più piccoli è innanzitutto molto delicata, sottile e pertanto spesso vittima di aggressioni che possono seccarla e addirittura arrossarla.

Pelle troppo sottile

La pelle del bebè è molto fragile e sottile (si calcola che il suo spessore è un quinto di quella di un persona adulta) e raggiunge la piena maturazione solo verso i 3 anni di vita del bambino. Durante, però, i primi anni, nonostante il neonato abbia poche difese a sua disposizione, viene comunque a contatto con le stesse sostanza che tocca un soggetto adulto. È normale, pertanto, che la sua risposta, principalmente nel caso di contatto con allergeni e altri elementi dannosi, sia più accentuata ed evidente.

Pelle facilmente soggetta a secchezza e ad arrossamenti

Poiché la cute del bambino è molto sottile essa è soggetta sia a secchezza sia ad arrossamento. Nel primo caso si parla di secchezza in quanto la cute lascia fuoriuscire molta acqua dagli strati profondi; nel secondo caso, invece, essendo la pelle con scarsa consistenza della barriera idrolipidica (acqua e grasso da intenderci) favorisce l’assorbimento delle sostanza dall’esterno, quali inquinanti, allergeni e altri elementi dannosi che possono scatenare arrossamenti ed irritazioni al piccolo.

Il ruolo del pannolino e…

Spesso ad irritare il culetto del neonato è il pannolino. Esso, infatti, può provocare forte irritazione, soprattutto nelle pieghe cutanee a causa del sudore che sprigiona il neonato. Ma non è tutto. Esistono anche altri casi in cui l’irritazione è dovuta alla dermatite atopica, un disturbo della pelle su base allergica che si manifesta con arrossamenti in varie parti del corpo.

Parti più a rischio

Le parti più a rischio arrossamento e secchezza sono senza ombra di dubbio gli organi sessuali, in quanto soggetti a maggiori stress (poiché in costante contatto con feci, pipì e pannolino) e la zone del nasino e della bocca (per via della saliva, ciuccio e nasino sporco o sgocciolante).

Come prevenire l’irritazione nelle zone genitali?

Per impedire l’irritazione da pannolino è necessario limitare il più possibile il contatto con le feci e la pipì, cambiando spesso il neonato. Nel caso di utilizzo delle salviettine è fondamentale stare attenti che la pelle sia ben asciutta prima di mettere il pannolino pulito, in modo da evitare un ambiente umido e quindi arrossamenti. Piccoli accorgimenti che aiutano la traspirazione della pelle del neonato.

L’importanza del bagnetto

Il bagnetto deve essere fatto ogni giorno, ma non deve superare i 10 minuti. Specialmente, i bambini con pelle atopica non devono restare immersi più di 10 minuti, in quanto l’acqua andrebbe solo a danneggiare la loro cute delicata e super sottile. La temperatura dell’acqua deve essere sempre intorno ai 37° C. Una volta fatto il bagnetto, è importante utilizzare prodotti ad azione emolliente, come l’olio di mandorla, che ha delle proprietà benefiche sul bambino: rafforza la barriera di protezione della pelle, evitando così la disidratazione.

La pelle secca in inverno

È molto importante utilizzare delle creme protettive affinché la pelle non si secchi.

L. F.

Condividi su

Commenti


Il tuo commento

Effettua il login o registrati

Commenta come ospite




Commenta per primo questo articolo!

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito