31 Ottobre 2019

Halloween: un rischio mascherato per i neonati?

Halloween: un rischio mascherato per i neonati?

Una festa con origini antiche

Halloween si festeggia come ogni anno il 31 ottobre, alla vigilia della festa cristiana di Ognissanti, e con molta probabilità trova le sue origini in tempi molto lontani, quando i popoli tribali, in base alla transumanza del bestiame, suddividevano l'anno in due parti e, tra ottobre e novembre, preparandosi la terra all'inverno, era necessario riparare gli animali in un posto chiuso e sicuro per proteggerli nella stagione fredda.
Halloween è una festa anglosassone, molto sentita anche in America. È possibile celebrarla insieme ai più piccoli, ma con i giusti accorgimenti. Vediamo insieme quali.

Rischi&Sicurezza

Come ogni festa, anche Halloween deve essere festeggiato in massima sicurezza. In particolar modo, quando si tratta di neonati i genitori devono fare massima attenzione alle insidie che possono celarsi dietro le maschere, i costumi e i gadget acquistati in questa occasione.

I costumi

Il pericolo maggiore è sicuramente quello dell’infiammabilità. I costumi, di fatto, sono spesso realizzati con materiale plastico, in particolar modo in poliestere, vale a dire con 83 milioni di bottigliette. Ciò non fa bene al neonato: in primis per il materiale che può provocare irritazioni alla sua pelle e secondo, essendo materiali sintetici, possono prendere fuoco con estrema facilità. Quindi, è bene acquistare sempre costumi fatti in cotone e privi di qualsiasi trattamento di tipo chimico.

Le maschere

Dietro alle maschere i maggiori rischi sono legati al soffocamento (ad esempio i laccetti presenti nella zona del collo, se afferrati e stretti sbadatamente, possono strozzare il neonato) e alla presenza di sostanza chimiche, come ftalati, ossia sostanze nocive per la salute dell’uomo e di conseguenza del neonato. Prima di acquistare una maschera leggere bene l’etichette e la conformità del prodotto.

Test si sicurezza

Per determinare il rischio di soffocamento, imposto per i giocattoli destinati ai bimbi al di sotto dei 3 anni, viene utilizzato il “test di trazione e presenza di piccole parti”. Per mettere in pratica il test viene normalmente utilizzato il “cilindro per le piccole parti”, uno apparecchio che finge di essere la trachea di un bebè per provare che gli elementi scomponibili abbiano dimensioni tali da non potere entrare totalmente nel cilindro di prova. Ciò per evitare qualsiasi tipo di incidente!

L. F.

Condividi su

Commenti


Il tuo commento

Effettua il login o registrati

Commenta come ospite




Commenta per primo questo articolo!

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito