16 Luglio 2019

Il bagnetto perfetto è...

Il bagnetto perfetto è...

Il bagnetto è uno dei momenti più belli, ma anche più importanti della giornata di un neonato. Intanto perché mediante il bagnetto ci si può prendere cura della sua igiene e della sua salute. In secondo luogo il bagnetto è un momento molto importante in quanto serve a istaurare un primo rapporto di fiducia e complicità con il piccolo. Il tocco delicato della mamma o del papà è necessario a sviluppare calore familiare, anche grazie alla temperatura dell’acqua, all’atmosfera dell’ambiente in cui si trova e al profumo morbido del sapone.
Insomma, il momento del bagnetto è davvero unico e indimenticabile perché sia la mamma che il papà iniziano a dialogare con il neonato e a scambiarsi i primi sguardi e sorrisi insieme a lui.

I tempi sono fondamentali

È necessario prima di tutto scegliere il momento giusto per fare il bagnetto al bambino. Se lui è troppo stanco o ha fame meglio evitare, in quanto non avrà nessun piacere nel farlo.
Dunque, il momento perfetto esiste? Certo che sì. Il momento giusto sarebbe sempre a fine giornata in quanto lo aiuta a rilassarsi e a prepararsi per la nanna. L’acqua non deve essere mai superiore a 24 gradi e l’ambiente deve essere riscaldato nel modo più adeguato possibile. Per rendere ancora più piacevole il bagnetto comprate una paperella così che possa giocare e sguazzare serenamente.
Prima del bagnetto, può essere utile anche fare un massaggio al piccolo. La mamma o il papà si può, infatti, mettere sulle mani poche gocce di olio lenitivo e poi passarle sulla sua pelle, partendo dai piedini fino ad arrivare alla testolina. Un momento di grande intimità e di amore, che renderà il bambino più predisposto al bagnetto.
Una volta pronto il neonato può essere immerso nella vasca, facendolo scivolare lentamente in acqua partendo dai piedi e appoggiando sempre la sua testolina sull’avambraccio. Il bagnetto deve durare pochi minuti, per i più grandicelli anche qualcosa in più.
Quanto all’asciugatura, la pelle va tamponata delicatamente in modo che bambino non subisca traumi e non prenda freddo.

Lucia Franco

Condividi su

Commenti


Il tuo commento

Effettua il login o registrati

Commenta come ospite




Commenta per primo questo articolo!

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito